Thursday, 17 October, 2019 05:16

L’ARCI lancia una campagna per dire No al Razzismo

Non si placa la campagna di offese razziste contro la ministra all’Integrazione Cècile Kyenge, una campagna che vede protagonisti non solo l’estrema destra fascista ma anche autorevoli esponenti della Lega. Parole volgari e incivili, incompatibili con chi ricopre incarichi istituzionali ed inaccettabili per un paese civile, moderno e democratico.

Per porre fine a questi odiosi attacchi contro la sua persona, per arginare questo razzismo disumano che sta emergendo senza freni, c’è bisogno di un moto di indignazione generale, che veda protagonisti le più alte cariche dello Stato, le organizzazioni sociali, i singoli cittadini, con un lavoro capillare sul territorio.

C’è bisogno di fare una scelta chiara, di identità.

L’Arci ha voluto farlo lanciando una campagna nazionale di solidarietà alla Ministra, contro tutti i razzismi, per il rispetto della dignità e dei diritti.

Perché abbia la massima visibilità, affiggeremo nei nostri circoli e nei luoghi dove si svolgono le nostre iniziative estive locandine e manifesti con queste parole d’ordine accanto alla foto della Ministra (in allegato l’immagine del manifesto).

Da lunedì 29 luglio i Circoli e le Case del Popolo della Valdera affiggeranno i manifesti, di dimensione 100x 140, molto grandi, ben visibili, per comunicare e marcare una scelta di identità e appartenenza.

Invieremo a tutte le forze politiche dell’arco progressista i manifesti realizzati chiedendo collaborazione e promozione della campagna. Rivolgiamo lo stesso invito alle molte associazioni ed organizzazioni che operano sul nostro territorio, con l’invito a moltiplicare iniziative simili perché il moto di indignazione sia ampio, trasversale e plurale.

Dobbiamo lavorare insieme e sempre con maggior forza perchè il razzismo venga finalmente estirpato dal nostro paese.

raz